Come limitare i consumi di gas ed elettricità

Foto dell'autore

Come limitare i consumi di gas ed elettricità

Quest’inverno sarà sia al lavoro (o a scuola) sia a casa all’insegna sicuramente di maglioni e coperte pesanti e con buona pace di tutti quanti pure dei più calorosi!

Ma come limitare i consumi in maniera ottimale?

Se si vuole limitare i consumi del gas / elettricità e con essi anche i costi l’essenziale è adottare comportamenti virtuosi in modo da limitare i consumi e con essi i costi così da evitare anche il razionamento che potrebbe esserci se la Russia dovesse ridurre le forniture.

Ecco qualche consiglio utile per limitare i consumi sia del gas sia dell’elettricità.

Se l’inverno dovesse diventare troppo freddo è facile che a marzo ci possano essere dei razionamenti. E quindi per limitare i consumi del gas così da scongiurare quest’ipotesi bisogna iniziare già adesso rendendo più efficienti gli impianti e riducendo la temperatura in casa. Un solo grado in meno limita i consumi del gas e riduce le bollette del 5% (fino all’ 8%) della bolletta.

Sicuramente ci sarà un taglio anche relativamente al consumo dell’elettricità dato che la Commissione Europea ha intenzione di ridurre i consumi in maniera obbligatoria tuttavia poi sarà ogni singolo Stato a decidere come mettere in pratica questa norma. Quello che è certo è che sarà obbligatorio la riduzione dei consumi nelle ore di picco ossia tre o quattro a settimana.

E per l’Italia che cosa comporta limitazione di gas ed elettricità?

Si sta pensando di ridurre la potenza indicativamente del 5% dei contatori a livello domestico rendendo di fatto impossibile (in modo particolare nelle fasce di punta vale a dire dalle 17 alle 19) il poter usare insieme più elettrodomestici che richiedano tanta energia!

Ecco come sarà il piano del Governo al fine di limitare i consumi di energia. Seguendo anche le direttive Europee dell’Enea (Energia Nazionale per le Nuove Tecnologie, l’Energia e lo Sviluppo Economico Sostenibile) il Ministero della Transizione Ecologica ha messo in essere il Piano Nazionale di Contenimento dei Consumi di Gas Naturale in cui ci sono alcune norme obbligatorie e altre facoltative. Vale a dire che in pratica si potrebbe risparmiare fino a 600 euro in bolletta e fino a 5 miliardi di metri cubi di gas.

Ma cosa impone nello specifico?  Quest’inverno bisogna ridurre sia la temperatura in casa di un grado (19 gradi con due di tolleranza) sia il tempo (un’ora in meno) in cui l’impianto di riscaldamento condominiale resterà accesso (si può oscillare da un massimo di 13 ore al giorno nella zona E a un minimo di 5 in quella A) sia ridurre di quindici giorni (partendo otto giorni dopo e finendo sette prima) il periodo in cui i termosifoni potranno essere accesi.

I controlli per verificare che le normative imperarti vengano rispettate saranno fatto a campione e verranno coinvolti, quindi, anche gli amministratori condominiali che dovranno vigilare che tutto quanto venga rispettato scrupolosamente.

Come risparmiare in maniera consapevole in gas ed elettricità?

Secondo l’Enea si potrà arrivare a risparmiare fino a 180 euro a famiglia e ulteriori 400 euro potrebbero essere risparmiati se si adattassero ulteriori accorgimenti. Ecco qualche esempio.

Inizio parlando di quelli sicuramente più costosi ossia installare doppi vetri, coibentare gli edifici, installare caldaie a condensazione, mettere le pompe di calore oppure acquistare elettrodomestici ad alta efficienza energetica e in questo ultimo caso si potrebbe arrivare a ridurre i consumi elettrici fino al 50% medio.

Mentre altri accorgimenti sicuramente meno costosi potrebbero essere utilizzare delle lampade a Led che diano la reale possibilità di illuminare in casa con un risparmio che si avvicina al 85% senza dimenticare l’uso delle ciabatte multi prese con l’interruttore che offrano la possibilità concreta di essere spente in modo da eliminare anche lo stand by vale a dire la famosa lucina rossa.

Altri accorgimenti utili e assai più semplici sono ridurre il tempo della doccia e, quindi, limitandosi a 6 minuti e a una temperatura massima di 45 gradi ma anche far andare sia le lavatrici sia le lavastoviglie a pieno carico oppure anche ricordandosi di spegnere la luce nelle stanze in cui non siamo presenti oppure chiudere l’acqua del lavandino se, ad esempio, ci stiamo lavando i denti e aprendola solo quando è realmente necessario.

Molto importante, infine, il ricordarsi di spegnere il forno qualche minuto prima che sia terminata la cottura e abbassare la fiamma del fuoco quando bolle l’acqua della pasta e, quindi, coprire la pentola con un coperchio.

E, infine, sbrinare regolarmente freezer e frigoriferi, non usare i caloriferi come asciuga biancheria e togliere gli ostacoli che ci possono essere davanti e sopra ai termosifoni medesimi.

Questi accorgimenti che con un po’ di allenamento non sono nemmeno poi così complicati oltre che far bene all’ambiente sicuramente faranno bene anche al nostro portafoglio in quanto ci faranno certamente spendere di meno.

Articolo scritto da:

MONICA PALAZZI