Come aggiungere una presa elettrica

Ti trovi in una stanza e non ci sono abbastanza prese elettriche al muro? Non sai come aggiungerne un’altra senza dover per forza collegare di nuovo tutti i fili e non hai tempo per chiamare l’elettricista? Bene, dai un’occhiata a questo breve articolo ed in pochi minuti sarai in grado di farlo da solo, ovviamente prendendo tutte le corrette misure di sicurezza del caso!

Creare una nuova presa di corrente: strumenti necessari

Gli strumenti necessari per l’aggiunta di una presa elettrica sono i seguenti:

  • Cacciavite a stella;
  • Cacciavite piatto;
  • Filo elettrico;
  • Trapano;
  • Nastro isolante;
  • Cavi spellafili;
  • Scatoletta della presa elettrica con graffette incluse;
  • Pinze.

Aggiungere una presa elettrica: accortezze preliminari e procedimento

Prima di procedere con l’operazione in questione, è necessario attuare delle manovre preventive, in modo da svolgere il lavoro in sicurezza, come raccomandato dai professionisti di elettricista-roma.me,  pronto intervento elettricista presente h24 a Roma, che ringraziamo per la collaborazione. Per prima cosa bisogna spegnere l’interruttore del circuito centrale.

Questa operazione è estremamente importante, quindi controlla bene di aver arrestato la corrente elettrica più volte, fai diverse prove. In seguito, raccogli tutti gli strumenti necessari e valuta bene dove inserire la nuova presa, che deve essere sempre parallela alle altre prese presenti nella stanza. Rimuovi l’alimentazione, togli la placchetta di rivestimento della presa e misura la distanza dal pavimento. Una volta eseguite queste accortezze preliminari, è possibile procedere con l’intervento, che può essere diviso in diverse fasi: 

  • Fase 1: Dopo aver preso le misure, con un trapano elettrico fai un buco nel muro, dopo esserti bene accertato che non ci siano altri tubi o impianti nella parete;
  • Fase 2: Nel buco appena realizzato, inserisci la cassetta e fissala saldamente facendo attenzione;
  • Fase 3: Adesso bisogna inserire all’interno della cassetta i tre fili: il rosso (che indica il positivo), il blu o giallo (massa) ed il nero (negativo). Questi tre cavi devono essere poi collegati o ad un’altra presa vicina o all’interruttore generale;
  • Fase 4: Bisogna adesso fissare perfettamente la canalina sul muro, controllando che non si muova e che non dondoli, utilizza le apposite graffette e fissale per bene, facendo molta attenzione. In seguito, spella il cavo e ti accorgerai che esso è formato da tre colori, bianco nero e verde. Ora devi accoppiare tutti i fili facendo attenzione ad unirli per colore. Isola i fili e le viti con del nastro isolante;
  • Fase 5: Ora rimetti tutto all’interno della parete e chiudi inserendo la nuova placca di protezione con l’aiuto di un cacciavite. In seguito ripara i fori sul muro;
  • Fase 6: Bisogna controllare se il lavoro è stato svolto correttamente e se la tua nuova presa è effettivamente funzionante. Accendi quindi l’interruttore generale, e se l’impianto rimane in funzione e non scatta il salvavita, significa che hai fatto i collegamenti elettrici nel modo giusto. Ora bisogna vedere se funziona la nuova presa, quindi prendi un qualsiasi dispositivo elettronico a basso voltaggio, come una lampada, e fai la prova del nove. Si accende? Ottimo, hai realizzato la tua presa elettrica!

Cosa fare se la presa elettrica appena montata non funziona?

In questo caso, probabilmente avrai sbagliato qualcosa durante lo svolgimento del processo. In questo casi, spegni nuovamente l’interruttore generale e controlla tutti i collegamenti appena allacciati. Probabilmente i cavi non sono stati collegati come a dovere, o si sono allentati dopo aver montato le scatole.

Fai sempre estrema attenzione quando fai queste operazioni, potrebbe essere davvero molto pericoloso. Controlla sempre di aver spento il circuito prima di toccare i fili o smontare i collegamenti.

Fai click qui per scoprire tutti i nostri consigli su fai da te e casa.

Contiene partnership pubblicitarie