Piscine da giardino, 6 cose da sapere

Le piscine da giardino sono una soluzione perfetta per chi vuole trovare sollievo dal caldo nei mesi estivi senza doversi ritrovare in una piscina affollata. Ovviamente per fare un acquisto di questo tipo è indispensabile avere lo spazio dove posizionare o far costruire la piscina.

Esistono diversi tipi di piscine da giardino e ciascun modello comporta problematiche diverse: di spazio, economiche o di permessi e autorizzazioni.
Vediamo quali sono le 6 cose da sapere prima di acquistare una piscina da giardino!

Il costo della piscina

1. Come dicevamo, esistono diversi tipi di piscine a seconda della tua disponibilità economica e di spazio. La più “popolare”, soprattutto in Italia, è la piscina interrata. Questa è la più costosa, ma è anche la più duratura. Richiede permessi specifici e una dita specializzata.

La seconda tipologia è la piscina fuori terra. In questo caso non dovrai richiedere nessun permesso e anche i costi di acquisto e di manutenzione saranno nettamente inferiori. Attenzione però al terreno su cui la posizioni: questo deve essere perfettamente livellato.

L’ultima tipologia, la meno costosa, è la piscina gonfiabile. Se non vuoi investire troppo su questa cosa, questa è la soluzione che fa a caso tuo! Non richiede manutenzione: una volta rovinata si butta e si riacquista. 

Per ulteriori informazioni a riguarda puoi visitare: https://www.costruzionepiscinebologna.it

Trattamento dell’acqua

L’acqua della piscina, di qualsiasi tipologia essa sia, va pulita e cambiata. Troverai in vendita prodotti specifici a base di cloro che eliminano batteri, funghi e virus. Inoltre, esistono anche altri prodotti che prevengono le alghe.

Servirà anche una pompa filtrante. Ti consiglio di acquistarne una che abbia una capacità di filtraggio superiore al volume d’acqua che può contenere la tua piscina. 

Analisi rapida dell’acqua

Per capire la qualità dell’acqua della tua piscina da giardino puoi acquistare dei kit appositi. Si tratta di striscioline che cambiano a colore a contatto con l’acqua: attraverso la leggenda capirai il livello di pulizia dell’acqua. 

La posizione

Nel caso delle piscine “fisse” (quindi quella interrata e quella fuori terra), ti consiglio di scegliere molto bene il punto del giardino dove posizionarla. L’ideale è metterla dove ci sono alcune ore di sole continuo, questo perché altrimenti l’acqua potrebbe risultare troppo fredda quando decidi di utilizzare la piscina. 

Autorizzazioni e burocrazia

Ad inizio articolo abbiamo parlato di permessi ed autorizzazioni. Questo discorso vale per le piscine da giardino interrate. I permessi da richiedere variano a seconda delle dimensioni della piscina.

Se la superficie di questa supera il 20% del volume dell’edificio, allora dovrai richiedere il permesso di costruire. Se invece non lo supera, dovrai presentare la Denuncia di inizio attività (DIA) agli uffici del tuo Comune. Di questo si occupa il tecnico che hai scelto.

Il Comune ha 30 giorni per presentare qualche obiezione, se non lo fa puoi procedere con la costruzione. 

Specificità a seconda della regione

Sempre rimanendo in tema di permessi ed autorizzazioni (quindi parliamo di piscine interrate), devi sapere che ogni Regione ha le sue regole specifiche, quindi

informati molto bene prima di procedere. Anche i comuni possono decidere di utilizzare “regole proprie”. Questo perché alcuni luoghi hanno dei vincoli paesaggistici. 

Continene inserimenti pubblicitari