Cosa vedere in Cambogia: 5 luoghi imperdibili

Famosa per i colossali templi di Angkor Wat e per la brutale dittatura dei Khmer Rossi negli anni ’70, la Cambogia ha in realtà molto altro da offrire.

La costa è piena di spiagge di sabbia bianca che ti faranno venire voglia di addormentarti al caldo sole tropicale, la giungla è perfetta per i più avventurosi e la capitale Phnom Penh, con il suo ritmo frenetico, ti affascinerà fino a farti perdere la cognizione del tempo.

In questo articolo voglio mostrarti cosa puoi vedere in questa meta emergente del sudest asiatico.

Angkor Wat

Il complesso di templi di Angkor Wat è l’attrazione numero uno della Cambogia. Accessibili dalla turistica città di Siem Reap, i templi del periodo angkoriano sono così stupefacenti che la zona è considerata uno dei siti storici e architettonici assolutamente da vedere nella vita.

Il tempio di Angkor Wat, l’edificio religioso più grande del mondo, è solo una piccola parte di tutto il complesso monumentale e puoi metterci fino a tre giorni per esplorare bene tutti i templi dell’area.

Se hai poco tempo, tuttavia, oltre ad Angkor Wat non perderti il tempio di Ta Prohm (che è diventato famoso come location utilizzata nel film Tomb Raider), il tempio Bayon per i suoi 216 volti scolpiti nella pietra, Angkor Thom e Preah Khan.

Koh Rong Samloem

Tra le spiagge della Cambogia, quelle di Koh Rong Samloem sono probabilmente le più belle. Saracen Bay, che ospita una dozzina di resort sulla spiaggia, offre una ben gradita tregua dal caotico mondo cambogiano. Trova un’amaca e fai in modo che l’ozio abbia il sopravvento.

Puoi anche decidere di fare una vacanza un po’ più attiva, scegliendo tra avventurarti nella giungla all’interno dell’isola, oppure facendo delle immersioni nelle acque cristalline del golfo del Siam.

Phnom Penh

La capitale della Cambogia è il cuore pulsante del paese: strade caotiche, clacson, tuk-tuk e motociclette ti accoglieranno e ti intimoriranno all’arrivo. Abbandonata completamente durante la follia dei Khmer rossi e lasciata ad appassire e decadere, Phnom Penh si è ripresa e cerca oggi di diventare una delle città più dinamiche del sud-est asiatico.

La capitale cambogiana ha i siti storici più importanti che riguardano il regime dei Khmer Rossi, come il museo del genocidio di Tuol Sleng e i Killing Fields.

Lasciati andare alla movimentata vita notturna di Phnom Penh, ma fai attenzione: ti troverai ancora sveglio all’alba con tutti i locali che ci sono nella zona del fiume!

Ratanakiri

Ratanakiri è una delle zone meno visitate della Cambogia, con le sue infinite strade sterrate che attraversano paesaggi da sogno che ti faranno passare tutto il viaggio a osservare il panorama.

Se sei in cerca di avventura, questa è la provincia migliore della Cambogia per fare trekking: potrai andare alla ricerca dei gibboni, buffe scimmie pelose, ma anche fare gite di più giorni nella giungla dormendo nelle amache. Insomma, se ne hai abbastanza di vedere templi, Ratanakiri è la meta perfetta per dimenticare la cultura e lasciarti avvolgere dalle meraviglie della natura.

Kampot

La città fluviale di Kampot ha un’atmosfera molto più rilassata di Phnom Penh ed è forse uno dei luoghi dove più puoi respirare l’atmosfera europea retaggio della colonizzazione francese. La zona centrale è molto bella, piena di edifici di architettura coloniale spesso accuratamente restaurati.

Il fascino di Kampot è dato soprattutto dalla sua atmosfera estremamente rilassata: molti viaggiatori ci rimangono più a lungo del previsto quando sono in cerca di un po’ di riposo.

Se hai voglia di una vacanza più attiva Kampot non ti deluderà. L’antica stazione climatica francese di Bokor Hill, con la sua chiesa abbandonata e la struttura vuota di un hotel una volta grandioso, è la meta perfetta per una gita di un giorno. Allo stesso modo, visita le grotte calcaree di Phnom Chhnork e Phnom Sorsia, entrambe con degli antichi templi all’interno.

Il nostro consiglio è quello di pianificare gli spostamenti e prenotare almeno per la prima notte in ogni posto utilizzando i grandi portali come Booking e simili.